~ Libraia su misura  ~

Categoria Quando leggo

No, non sono recensioni

Il re ombra

Hirut. Bambina schiava e poi indomita guerriera. La sua cicatrice, il suo fucile.Ettore Navarra, soldato italiano ebreo. Suo padre, la sua macchina fotografica.Il racconto epico e violento della guerra in Etiopia, del colonialismo degli ‘italiani brava gente’ che massacrano uomini,… Continua a leggere →

Nancy Mitford

La mia reclusione è cominciata il diciannove di febbraio di quest’anno. Il giorno prima ero al lavoro in libreria e il giorno dopo avevo la polmonite (un po’ a sorpresa, nonostante alcuni chiari segnali che non ho scelto di cogliere)…. Continua a leggere →

Patricia Highsmith

Una donna di mezz’età, elegante, palesemente imbruttita dall’alcol e evidentemente seccata dalla situazione che l’ha costretta all’occasione, si presenta a un ricevimento con una borsa che non vuole cedere.Dentro ci sono alcune lumache – esemplari del suo sterminato allevamento- che… Continua a leggere →

Carson McCullers

Prendi una bambina esuberante, intelligente e di grande talento. Impiega tutto il denaro che hai per fornirle degli insegnanti privati che sostengano il suo sogno di diventare una grande pianista.Impegna i gioielli di famiglia per permetterle di iscriversi alla Julliard… Continua a leggere →

Janet Frame

Articolo evidenziato

L’immagine è un campo lunghissimo: verdi impossibili in basso, azzurri impensabili in alto. A destra l’arancio fuoco dei capelli di una bambina, ai confini del mondo. È con questa immagine pittorica, folgorante che ho conosciuto Janet Frame, attraverso un film… Continua a leggere →

Shirley Jackson

Se nasci da una famiglia wasp e altolocata, ma sei bruttina e con strambe attitudini al mondo magico e alla scrittura, puoi star certa che, se tuo padre ti ignorerà, tua madre non perderà occasione di ricordartelo finché vivi. E… Continua a leggere →

Elizabeth Jane Howard

“Lei scrive? No, non faccio niente. La mia vita è tutto un affare indiretto” Bella in modo austero, ricca, colta, Elizabeth avrebbe potuto conoscere tutta la serenità possibile. E invece, dietro i chintz colorati, le passeggiate a cavallo, le nannies,… Continua a leggere →

Jean Rhys

La storia di Jean è quella di una meravigliosa, morbida orchidea strappata dal tropico e abbandonata con noncuranza su un marciapiede londinese in Gennaio. Nata in Martinica da una famiglia anglo-creola, in seguito a una serie di rovesci economici della… Continua a leggere →

Margery Sharp

Ho parlato, in altri post, di scrittrici affilate come rasoi e nella vita: non è questo il caso di Margery Sharp* a dispetto di un cognome che sarebbe molto piaciuto alle summenzionate. Ci sono poche indicazioni biografiche sulla sua vita… Continua a leggere →

Stella Gibbons

Se si guardasse velocemente alla vita di Stella Gibbons, potremmo liquidare velocemente la faccenda facendo un paragone, perdente, con Dorothy Parker sulla cui vita disperata, strappata a morsi e il suo senso purissimo dello humour e della cattiveria ci si… Continua a leggere →

« Articoli precedenti Articoli seguenti »

© 2022 Anna Livia Plurabelle — Powered by WordPress

Tema di Anders NorenTorna su ↑