~ Libraia su misura  ~

Categoria Poesia (Life Unlimited)

You shout your mouth

Tieni la bocca chiusa figlia del niente di particolare. La verità è nei dettagli. Il diavolo si limita a far scattare la frusta, in attesa, controlla le beole delle buone intenzioni, che siano disposte in asse a indicare la tua… Continua a leggere →

In cerca di

Voci, voci in continuazione, sopra, intorno, sotto e rumore e luci, tutto troppo forte, troppo vivo, troppo prepotente, enorme, fuori taglia per me che non riesco ad arrivare ai cinquanta chili e non ho testa, o ne ho troppa, una… Continua a leggere →

Basterebbe una divinità minore lo scarto negletto di un pantheon qualunque che privata di causa e intento si facesse dedicare agli occhi stanchi e vuoti a braccia e gambe strappate e alle bocche chiuse che fosse in grado di vomitare… Continua a leggere →

Articolo evidenziato

Lasciala andare questa primavera, guardane il fianco prima e la schiena mentre si affretta a rischiarare i muri e a grattare le croste di muschio dai tagli nel cemento. Lasciala correre,la testa spinta in avanti e i piedi ventosi, lasciale… Continua a leggere →

Mia sorella

Mia sorella è un uovo di mille anni  seduta nel suo nido di paglia  e spine di robinia.  Nel suo cuore molle  e vivo contiene elenchi di ragioni  e radici  e genealogie dell’errore e del suo rimedio  ma li tiene… Continua a leggere →

Fughe da ferma

Non ho viaggiato tanto. Non l’ho fatto per motivi diversi ma se devo essere onesta, guardando indietro, mi sono offerta solo delle scuse per non partire. Per restare ferma e attaccata alle mie quattro mura, allo stesso letto, alle lenzuola…. Continua a leggere →

Stamattina salviamo gli occhi

Stamattina salviamo gli occhi e la lacrima appesa a bordo vasca perché  la notte è stata spesa in cernite e selezioni  e ammucchiati su un lato del letto, in attesa di trasporto  ci sono i calcagni, usurati e  tre dita… Continua a leggere →

Totentanz

Urla il fuoco e ingoia, urla il raspare disperato delle unghie dell’orso in fuga e i gufi e le oche dal collo rosso e le gru e lo sbattere di ali inutile e lo schiocco terribile del legno che si… Continua a leggere →

To a son turning sixteen

We thought bread would have fulfilled our needs sedate the hunger, healed our scraped knees. We thought clouds were floating dreams to collect in our fishing nets and shape them in perfect schemes. We thought water was all we needed… Continua a leggere →

Commandments

Commandments You shall live to see how the moon revolves again, stark white, calling the waters and sands and crabs at its judgement. You shall live, I say, to notice how the leaves take their turn in this repeating history… Continua a leggere →

« Articoli precedenti

© 2021 Anna Livia Plurabelle — Powered by WordPress

Tema di Anders NorenTorna su ↑